Prodotto aggiunto al carrello

Continua gli acquisti

Nessun prodotto

- Spedizione
0,00 € Totale
Ti mancano 40,00 € per la spedizione gratuita.

Procedi all’acquisto

Nuovo
Pistacchi in granella Visualizza ingrandito
Pistacchi in granella

Pistacchi in granella

Granella e Farina di Frutta Secca

Acquista online la granella di pistacchi senza conservanti.

I nostri pistacchi sono coltivati ogni giorno da mani colme di amore, nel rispetto dell'ambiente e di chi ci lavora per garantire un prodotto di altissima qualità ad un prezzo conveniente.

Puoi comprare la granella di pistacchi in confezioni ideali per veri appassionati di frutta secca.

Scopri i benefici dei pistacchi in granella, le nostre analisi hanno messo in evidenza che 100 g di pistacchi in granella contengono:

  • 0.71 mg di Rame, pari al 71% del VNR (valore nutritivo di riferimento);
  • 0.99 mg di Vitamina B6, pari al 71% del VNR
  • 464 mg di Fosforo, pari al 66% del VNR

Ingredienti: PISTACCHI. Può contenere tracce di ARACHIDI ed altra FRUTTA A GUSCIO.

Origine: Iran, USA

Maggiori dettagli

ECO01404

9,90 € Iva inclusa

250g

Ordina OGGI e ricevi

tra Domani e lunedì 23

Spedizione gratuita a partire da 40 €


Qualità etica

Prezzo conveniente

Esclusiva Frutta e Bacche

Valori nutrizionali

IngredientiPISTACCHI. Può contenere tracce di ARACHIDI ed altra FRUTTA A GUSCIO.
Peso250g
Modalità di conservazioneConservare in luogo fresco e asciutto.
Dichiarazione nutrizionalevalori medi per 100 g:
Energia2504 kJ / 605 kcal
Grassi51 g
di cui acidi grassi saturi5.3 g
Carboidrati8.8 g
di cui zuccheri6.0 g
Fibre9.5 g
Proteine23 g
Sale0.01 g
Fosforo464 mg (66% VNR*)
Rame0.71 mg (71% VNR*)
Vitamina B60.99 mg (71% VNR*)
IndicazioniI consigli dispensati NON SONO IN ALCUN MODO DA RITENERSI DI VALORE MEDICO/PRESCRITTIVO. Le informazioni fornite sono a scopo puramente divulgativo e informativo, pertanto non intendono in alcun modo sostituirsi a consigli medici. In presenza di patologie occorre sempre consultare il proprio medico.
OrigineIran, Usa
NutrientiRame, Vitamina B6, Fosforo
Etichetta e confezionamentoLe immagini sono inserite a scopo illustrativo, il prodotto può subire modifiche in base alla disponibilità di magazzino e alla grammatura selezionata.

Curiosità

Il pistacchio (Pistacia vera) è un albero della famiglia delle Anacardiaceae, di altezza media intorno ai 4-5 metri, ma che può superare anche gli 8-10 metri e raggiungere un’età di 300 anni. Il pistacchio cresce in zone dove l’inverno è fresco e le estati sono lunghe e calde. Fiorisce in aprile-maggio e presenta fiori apetali femminili e maschili su diverse piante. Il frutto è una drupa con un endocarpo ovale a guscio sottile e duro, contenente il seme chiamato comunemente “pistacchio”, che ha colore verde vivo sotto una buccia viola. La raccolta avviene da fine agosto ad ottobre. La pianta fruttifica ogni due anni e, per questo motivo, le piantagioni vengono fatte in tempi e luoghi differenti, così da potere avere un raccolto all’incirca costante ogni anno.

I pistacchi vengono utilizzati sia sgusciati sia pelati, spesso tostati e salati, anche in pasticceria. per preparare gelati, creme, bevande; e per la produzione di salumi (mortadella Bologna, ad esempio) o come condimenti per primi e secondi piatti.

Il pistacchio fornisce un olio impiegato in pasticceria, in confetteria, nonché in cosmesi per le doti emollienti. In medicina popolare è diffusa l’abitudine, specie nelle zone della Sicilia dove il pistacchio viene coltivato, di utilizzare l’infuso di corteccia come rinfrescante. Narra una leggenda che il pistacchio fosse coltivato dal re Nabocodonosor nei giardini pensili di Babilonia per sua moglie Amytis. Nel primo secolo d.C. l’imperatore Vitellio fece conoscere a Roma i pistacchi. Marco Gavio Apicio include il pistacchio nel suo classico libro di ricette della cucina romana del primo impero.

Il pistacchio costituisce uno spuntino appagante, molto nutriente, ricco di fibre e vitamine. Una porzione tipica corrisponde a circa 30 grammi di pistacchio sgusciato, pari a circa 160 calorie. Secondo le dimensioni dei pistacchi, ciò equivale a circa 30-40 semi, ossia uno spuntino soddisfacente ad elevato e prolungato senso di sazietà a causa dell’alto contenuto di proteine, grassi e fibre alimentari. Oltre a essere molto saporito, è il tipo di frutta a guscio più nutriente in quanto contiene otto importanti sostanze: tiamina, vitamina B6, rame, manganese, potassio, fibre, fosforo e magnesio, oltre alle maggiori quantità di antiossidanti polifenolici. Sebbene la funzione degli antiossidanti non sia ancora del tutto nota, le ricerche finora condotte sottolineano i vantaggi di una dieta sana con alimenti contenenti antiossidanti.

Fonti

Nutspaper “Il pistacchio” 1/2009

Nutspaper “Pistacchi americani” 1/2011

https://it.wikipedia.org/wiki/Pistacchi

Storia

La parola “pistacchio” deriva dal termine arabo fustaq e dal persiano pesteh: entrambi i nomi sono onomatopeici e richiamano il suono prodotto dal guscio che si apre a piena maturazione. L’origine del genere Pistacia si può far risalire all'era terziaria, grazie al ritrovamento di residui fossili rinvenuti nell'isola di Madeira. Altri ritrovamenti archeologici hanno evidenziato che il pistacchio era utilizzato fin dal 7000 a.C., in Turchia, come cibo. È stata accertata la diffusione delle varie specie in diverse aree, ma limitando l’indagine alla Pistacia vera, essa sarebbe originaria della Siria o di un’area assai più vasta, comprendente anche l’Asia Minore, la Palestina e il Turkmenistan.

Secondo la leggenda, il pistacchio veniva coltivato dal re Nabocodonosor nei giardini pensili di Babilonia per sua moglie Amytis. La coltura del pistacchio è antichissima; infatti se ne fa riferimento nella Bibbia, quando si narra che Giacobbe inviò diversi frutti in omaggio al Faraone, fra i quali anche i pistacchi (Genesi 43:11). Il pistacchio era noto agli Assiri, ai Persiani e ai Greci come droga medicinale.

La sua coltura si sviluppò nell'Asia occidentale, dove fu trovata da Alessandro Magno nel III secolo a.C.; il pistacchio fu poi portato a Roma nel 30 d.C. da Lucio Vitellio, governatore generale della Siria, e in seguito diffuso in Spagna da Pompeo Crasso. Marco GavioApicio include il pistacchio nel suo classico libro di ricette della cucina romana del primo impero. La diffusione del pistacchio comprende gradualmente la Cina, la Russia caucasica e da circa un secolo gli Stati Uniti d’America dove la pianta è stata introdotta dal “Office of ForeignSeeds and PlantsIntroduction”.

Sebbene in Italia il pistacchio fosse usato fin dall'inizio in diverse ricette, a nord delle Alpi era considerato soprattutto un costoso ingrediente di pasticceria. Solo dopo la Seconda Guerra Mondiale l’immagine del pistacchio si trasformò gradualmente, venendo apprezzato come un popolare spuntino. Negli Stati Uniti in genere venivano colorati in rosso per mascherare le imperfezioni e attrarre l'attenzione dei consumatori: “una dozzina per cinque centesimi” divenne presto uno slogan familiare.

Il maggiore produttore mondiale di pistacchio è l’Iran con una produzione media annua superiore alle 230.000 tonnellate, seguito da Stati Uniti con circa 110.000 tonnellate, poi da Turchia, Cina, Siria, Grecia, Italia, Afganistan, Pakistan e India. In Iran la maggior parte dei pistacchi è coltivata nelle province di Rafsanjan e di Kerman. L’Iran copre circa il 54% dell’intera produzione mondiale ed ha nell’Europa occidentale il suo maggiore mercato. Importato in prevalenza nella varietà round, il pistacchio iraniano è molto apprezzato grazie ad una qualità e ad un sapore ottimi.

La California, la cui produzione copre circa il 22% della quota mondiale, produce un pistacchio dalle caratteristiche sostanzialmente diverse da quello iraniano, con un guscio più chiaro e privo di macchie, ma molto meno saporito. Il pistacchio americano è consumato soprattutto nel mercato interno, in estremo oriente e nell’Europa orientale. Il terzo paese produttore, la Turchia, con circa 78.000 tonnellate ed una quota di mercato del 14%, possiede una varietà molto simile al long iraniano, di calibro medio-piccolo e di qualità ottima, con un sapore molto gradevole.

La Siria produce circa 29.000 tonnellate di un ottimo pistacchio, consumato però quasi esclusivamente nel mercato interno, nel quale il prodotto viene venduto fresco e dove viene utilizzato per la produzione di olio. La peculiarità della Siria è quella di avere un mercato molto chiuso e protetto da un dazio di importazione del 50%, che impedisce di fatto l’ingresso del prodotto dai paesi esteri. La produzione greca è di circa 9.000 tonnellate annue, inferiore al consumo interno, il che la rende sostanzialmente un paese importatore.

Fonti

Nutspaper “Il pistacchio” 1/2009

Nutspaper “Pistacchi americani” 1/2011

https://it.wikipedia.org/wiki/Pistacchi

I consigli dispensati NON SONO IN ALCUN MODO DA RITENERSI DI VALORE MEDICO/PRESCRITTIVO. Le informazioni fornite sono a scopo puramente divulgativo e informativo, pertanto non intendono in alcun modo sostituirsi a consigli medici. In presenza di patologie occorre sempre consultare il proprio medico.  

Proprietà

Secondo le nostre analisi, 100 g di Pistacchi sgusciati in granella contengono:

  • Vitamina E (8,7 mg - 73% VNR)
  • Rame (0,71 mg - 71% VNR)
  • Vitamina B6 (0,99 mg - 71% VNR)
  • Fosforo (464 mg - 66% VNR)
  • Potassio (960 mg - 48% VNR)
  • Manganese (0,85 mg - 43% VNR)
  • Vitamina K (31 μg - 41% VNR)
  • Magnesio (127 mg - 34% VNR)
  • Biotina (15 μg - 30% VNR)
  • Ferro (3,4 mg - 24% VNR)
  • Zinco (2,1 mg - 21% VNR)
  • Selenio (10 μg - 18% VNR)

Dosi consigliate

Ogni confezione da 500 g di granella di pistacchi contiene circa 16 porzioni da 30 g che apportano:

  • il 21% del valore nutritivo di riferimento di Rame;
  • il 21% del valore nutritivo di riferimento di Vitamina B6;
  • il 20% del valore nutritivo di riferimento di Fosforo.

I fabbisogni individuali variano in funzione dell’età, del sesso, del peso e dell’attività fisica. Un’alimentazione varia ed equilibrata e uno stile di vita sano sono alla base del tuo benessere.

Prezzo conveniente

Per noi prezzo conveniente significa proporre granella di pistacchi al naturale accessibili a tutti.  

Vogliamo, da un lato, pagare il giusto prezzo ai nostri agricoltori, per ottenere un prodotto di qualità, dall’altro soddisfare le tue esigenze di prezzo.

Stabiliamo infatti relazioni eque e di lungo termine con i nostri produttori, lontani dalla logica del prezzo più basso e basate sulla fiducia, cercando di offrirti il prodotto migliore e più naturale possibile.

Non solo, scegliendo grammature superiori di granella di pistacchi contribuisci anche tu alla riduzione dell’uso di plastica.

Conservazione

Puoi conservare la granella di pistacchi in luoghi freschi e asciutti, lontani da fonti di calore e umidità. Ecco 4 consigli utili:

  • La condizione ideale di mantenimento della granella di pistacchi è in ambiente refrigerato. La granella di pistacchi Frutta e Bacche può anche essere conservata senza problemi a temperatura ambiente durante la stagione invernale date le basse temperature. Durante l’estate invece è consigliabile conservare in frigorifero o in ambienti il più freschi possibile, in quanto l’aumentare delle temperature potrebbe favorire il deperimento dei prodotti.
  • Il contenitore ideale in cui conservare la granella di pistacchi è il vetro. Grazie alla sua costituzione infatti è impenetrabile ad agenti chimici e gassosi, e avendo ottime capacità isolanti termiche mantiene per un tempo più lungo la temperatura iniziale rispetto agli altri materiali. Se il vetro è colorato tanto meglio: utilizzando vetri colorati si impedisce l’ingresso di alcune lunghezze d’onda di luce (inclusa quella ultravioletta) e quindi alcune caratteristiche nutrizionali ed organolettiche rimangono inalterate.
  • È importante anche il tipo di chiusura del contenitore: un tappo ermetico fa sì che l’alimento sia protetto da un eccessivo contatto con l’ossigeno che può condurre a ossidazione lipidica e che può essere essenziale per i batteri aerobi.
  • L’ambiente è sempre bene che sia ben areato: ventilando i locali si mantiene sotto controllo l’umidità interna che fuoriesce dalla finestra, garantendo il giusto equilibrio, il che aiuta a sfavorire l’insorgere di muffe.

Opinioni

Filtro recensioni


Clicca qui per lasciare una recensione


Primo assaggio! Jlenia C. il giorno 17/04/2019 Un prodotto dai mille usi possibili... in piatti dolci o salati... di alta qualità! rating
Buono Barbara M. il giorno 21/03/2019 Buono rating
Qualità Laura B. il giorno 20/03/2019 Ottimo prodotto rating
ok CHRISTEL MARIA L. il giorno 15/09/2018 ok rating
Ottimi Marco m. il giorno 06/09/2018 Molto buoni rating
  


Prodotti consigliati

Euro Company Srl Società Benefit - Via Faentina 280/286, Godo, 48026 - Russi (RA) - Italia
Telefono: (0039) 0544 - 416711
Email: info (at) fruttaebacche.it
Serve aiuto?
Chiama
Live chat