Nuovo
Semi di Chia (Salvia Hispanica) Visualizza ingrandito
Semi di Chia (Salvia Hispanica)

Semi di Chia (Salvia Hispanica)

Ricchi di Selenio che contribuisce alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo

Le nostre analisi nutrizionali hanno messo in evidenza che 100 g di semi di chia contengono:
–       808 mg di fosforo, pari al 115% del VNR (valore nutritivo di riferimento): contribuisce alla normale funzione delle membrane cellulari e al mantenimento di ossa e denti sani;
–       4,21 mg di manganese, pari al 211% del VNR: contribuisce al normale metabolismo energetico;
–       31 µg di selenio, pari al 56% del VNR: contribuisce al mantenimento di unghie e capelli sani.
Ingredienti: semi di chia.

Maggiori dettagli

ECO07002

6,00 € Iva incl.

Aggiungi alla lista dei desideri



Spedizione gratuita oltre i 40€

Solo prodotti genuini e garantiti

Paga in tranquillità, 100% sicuro
Ingredienti semi di chia
Peso 500g
DICHIARAZIONE NUTRIZIONALE valori medi per 100 g:
Energia kJ 1786 / kcal 433
Grassi 29.6 g
di cui acidi grassi saturi 3.2 g
Carboidrati 3.8 g
di cui zuccheri 1.0 g
Fibre 30.9 g
Proteine 22.3 g
Sale 0.00 g
Fosforo 808 mg (115% VNR)
Manganese 4.21 mg (211% VNR)
Origine Bolivia, Messico, Paraguay
Fonte analisi Euro Company
Indicazioni I consigli dispensati NON SONO IN ALCUN MODO DA RITENERSI DI VALORE MEDICO/PRESCRITTIVO. Le informazioni fornite sono a scopo puramente divulgativo e informativo, pertanto non intendono in alcun modo sostituirsi a consigli medici. In presenza di patologie occorre sempre consultare il proprio medico.
Nutrienti Selenio, Manganese, Fosforo

La chia (Salvia hispanica) è una pianta floreale della famiglia Lamiaceae nativa del Guatemala e del Messico centrale e meridionale; viene coltivata sia per la produzione di sfarinati che di semi interi ad uso alimentare.

Al giorno d’oggi viene coltivata in Messico, Bolivia, Argentina, Ecuador, Nicaragua, Australia e Guatemala.

La chia è una pianta erbacea annuale che può raggiungere l’altezza di un metro, ha foglie opposte lunghe 4-8 cm e larghe 3-5 cm. I fiori sonoviola o bianchi e si presentano come infiorescenze composte. I semi di chia sono tipicamente piccoli ovali del diametro di circa 1 mm. Hanno una colorazione variegata nei toni del marrone, grigio, bianco e nero.

I semi di chia sono tradizionalmente consumati in Messico e negli Stati Uniti sud-occidentali, ma non sono ancora molto noti in Europa. Sono molto piccoli, croccanti e dal sapore piuttosto neutro e per nulla sgradevole. Oltre ad essere consumati tal quali possono essere aggiunti almuesli, allo yogurt o alle macedonie, oppure utilizzati per guarnire dolciumi o ancora come topping su frullati. Possono essere utilizzati come condimento per numerosi piatti tra cui insalate, pasta, risotti, minestre di cereali, zuppe e vellutate. Infine i semi di chia vengono utilizzati per arricchire il pane.

Lasciati in ammollo in acqua a temperatura ambiente, i semi di chia, in grado di assorbire acqua in quantità molto superiore al loro peso, sprigionano un gel che può essere utilizzato come sostituto delle uova nella preparazione di torte e biscotti.

Fonti:

http://it.wikipedia.org/wiki/Salvia_hispanica

http://en.wikipedia.org/wiki/Salvia_hispanica

http://www.greenme.it/mangiare/altri-alimenti/8585-semi-di-chia-usi-dove-trovarli

La parola chia deriva dal nahuatl chian, che significa oleoso. Il nome dell’attuale stato messicano del Chiapas deriva dall’espressione nahuatl “acqua chia” o “fiume chia”.

La Salvia hispanica è una delle due piante note come chia, l’altra è la Salvia columbariae più nota come goldenchia.

Sia il Codice Mendoza che il Codice Fiorentino – manoscritti del XVI secolo creati tra il 1540 e il 1585 – descrivono e raffigurano la Salvia hispanica, illustrando l’utilizzo di questa pianta da parte degli Aztechi. Il Codice Mendoza indica che la pianta era largamente coltivata e utilizzata come tributo in 21 dei 38 stati provinciali Aztechi; secondo alcuni storici dell’economia, l’importanza della chia in campo agroalimentare era paragonabile, in epoca precolombiana, a quella del mais.

Negli Stati Uniti, la prima consistente ondata di vendite di semi di chia è avvenuta negli anni ‘80 nella forma di “Chia Pet”. I “Chia Pet” sono figure di creta di icone popolari, come pecore o teste umane, in cima ai quali vengono distribuiti semi di chia in un impasto appiccicoso. Le figure vanno poi bagnate: i semi sulla sommità cominciano quindi a germogliare in maniera da somigliare ai capelli o al vello della figura.

L’introduzione in Europa della chia avvenne tramite i conquistadores, ma essa, nonostante potesse crescere facilmente sotto il sole spagnolo, fu presto dimenticata a favore di altri alimenti scoperti nelle Americhe.

 

Fonti:

http://it.wikipedia.org/wiki/Salvia_hispanica

http://en.wikipedia.org/wiki/Salvia_hispanica

http://www.greenme.it/mangiare/altri-alimenti/8585-semi-di-chia-usi-dove-trovarli

 

Il seme di chia è un alimento ricco di acidi grassi omega-3, tra cui l’acido α-linolenico, il quale sembra avere un effetto positivo sulla salutecardiovascolare1.

Le nostre analisi nutrizionali hanno messo in evidenza che 100 g di semi di chia contengono:

- 808 mg di fosforo, pari al 115% del VNR (valore nutritivo di riferimento)

- 4,21 mg di manganese, pari al 211% del VNR (valore nutritivo di riferimento)

Il fosforo contribuisce al normale metabolismo energetico, alla normale funzione delle membrane cellulari e al mantenimento di ossa e denti normali2.

Il manganese contribuisce al mantenimento di ossa sane, al normale metabolismo energetico, alla normale formazione di tessuti connettivi e alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo2.

Attualmente i semi di chia sono ampiamente consumati soprattutto per aiutare a mantenere un buon livello dei lipidi sierici. Questo effetto è dato dalla presenza di acidi fenolici e omega 3 e 6 3.

Uno studio pubblicato nel 2013 sull’European Journal of ClinicalNutrition ha visto un gruppo di 13 partecipanti sani consumare pane arricchito con semi di chia (interi o in farina) e ha valutato i livelli di glicemia dopo il pasto. I risultati mostrano che i semi di chia incorporati al pane sono efficaci nell'attenuare i livelli di glucosio nel sangue in maniera dose-dipendente4.

1 USDA SR-21 Nutrient Data (2010). “Nutritionfacts for driedchiaseeds, one ounce”. CondeNast, Nutrition Data.

2 Regolamento (UE) n. 432/2012 della Commissione, del 16 maggio 2012 – relativo alla compilazione di un elenco di indicazioni sulla salute consentite sui prodotti alimentari, diverse da quelle facenti riferimento alla riduzione dei rischi di malattia e allo sviluppo e alla salute dei bambini.

3 Mohd Ali N, Yeap SK, Ho WY, Beh BK, Tan SW, Tan SG. The promising future of chia, Salvia hispanica L. Journal of Biomedicine &Biotechnology [2012, 2012:171956]

4 Ho H, Lee AS, Jovanovski E, Jenkins AL, Desouza R, Vuksan V. Effect of whole and groundSalbaseeds (Salvia Hispanica L.) on postprandialglycemia in healthyvolunteers: a randomizedcontrolled, dose-response trial. European Journal of ClinicalNutrition [2013, 67(7):786-788]

 

Fonti:

http://it.wikipedia.org/wiki/Salvia_hispanica

http://en.wikipedia.org/wiki/Salvia_hispanica

http://www.greenme.it/mangiare/altri-alimenti/8585-semi-di-chia-usi-dove-trovarli

I consigli dispensati NON SONO IN ALCUN MODO DA RITENERSI DI VALORE MEDICO/PRESCRITTIVO. Le informazioni fornite sono a scopo puramente divulgativo e informativo, pertanto non intendono in alcun modo sostituirsi a consigli medici. In presenza di patologie occorre sempre consultare il proprio medico.

 

Opinioni


Clicca qui per lasciare una recensione




Prodotti nella stessa categoria

Frutta e Bacche | Frutta Secca, Disidratata, Essiccata e Bacche https://www.fruttaebacche.it/img/frutta-e-bacche-logo-14894184731.jpg Frutta e Bacche
Euro Company Srl - Via Faentina 280/286, Godo, 48026 - Russi (RA) - Italia
Telefono: (0039) 0544 - 416711
Email: info (at) fruttaebacche.it