Prodotto aggiunto al carrello

Continua gli acquisti

Nessun prodotto

- Spedizione
0,00 € Totale
Ti mancano 40,00 € per la spedizione gratuita.

Procedi all’acquisto

Nuovo
Arachidi Sgusciate al Naturale (Crude) Visualizza ingrandito
Arachidi Sgusciate al Naturale (Crude)

Arachidi Sgusciate al Naturale (Crude)

Acquista online le Arachidi sgusciate al naturale (crude), senza sale aggiunto e senza conservanti.

Ogni materia prima viene selezionata con cura garantendo un prodotto naturale ad un prezzo conveniente. Con le nostre arachidi sgusciate al naturale sostieni l’agricoltura di qualità, le persone che lavorano sui campi con amore, fatica e rispetto.

Puoi comprare le arachidi sgusciate al naturale in confezioni ideali per veri appassionati di frutta secca.

Scopri i benefici delle arachidi sgusciate al naturale. Le analisi USDA hanno messo in evidenza che 100 g di arachidi sgusciate contengono:

  • 240 μg di Folacina, pari al 120% del VNR (valore nutritivo di riferimento);
  • 12 mg di Niacina, pari al 75% del VNR
  • 0.64 mg di Tiamina, pari al 58% del VNR

Ingredienti: arachidi sgusciate

Formati: 500 g

Origine: USA

Maggiori dettagli

ECO01001

3,20 € Iva inclusa

Ordina OGGI e ricevi

tra martedì 20 e mercoledì 21

Spedizione gratuita a partire da 40 €


Qualità etica

Prezzo conveniente

Esclusiva Frutta e Bacche

Valori nutrizionali

IngredientiARACHIDI. Può contenere tracce di FRUTTA A GUSCIO.
Peso500g
Modalità di conservazioneConservare in luogo fresco e asciutto.
Dichiarazione nutrizionalevalori medi per 100 g:
Energia2452 kJ / 592 kcal
Grassi49 g
di cui acidi grassi saturi6.3 g
Carboidrati7.6 g
di cui zuccheri4.7 g
Fibre8.5 g
Proteine26 g
Sale0.05 g
Tiamina0,65 mg (58% VNR)
Folacina240 μg (120% VNR)
Niacina12 mg (75% VNR)
FonteUSDA National Nutrient Database for Standard Reference
IndicazioniI consigli dispensati NON SONO IN ALCUN MODO DA RITENERSI DI VALORE MEDICO/PRESCRITTIVO. Le informazioni fornite sono a scopo puramente divulgativo e informativo, pertanto non intendono in alcun modo sostituirsi a consigli medici. In presenza di patologie occorre sempre consultare il proprio medico.
OrigineUsa
NutrientiFolacina, Niacina, Tiamina
Etichetta e confezionamentoLe immagini sono inserite a scopo illustrativo, il prodotto può subire modifiche in base alla disponibilità di magazzino e alla grammatura selezionata.

Curiosità

Il nome “arachide” deriva dal greco Arachos che significa sorta di legume. Alcuni dei suoi nomi più comuni sono peanut e groundnut. Peanut è un termine descrittivo e significa “noce a forma di baccello”; groundnut riprende una parte del ciclo vegetativo e significa “noce sotto terra”. L’arachide appartiene alla classe delle Dicotiledoni, all’ordine delle Rosales e alla famiglia delle Leguminose, che comprende 40 specie erbacee cespugliose macroterme a ciclo annuale, originarie dei paesi tropicali.

Le arachidi sono i semi di una leguminosa i cui fiori, dopo la fecondazione, si interrano formando il frutto che tutti conosciamo. La specie più nota, e anche l’unica ad essere coltivata, è l’Arachishypogaea, caratterizzata da steli lunghi 20-60 cm, eretti o striscianti; le foglie sono alterne, composte paripennate (due paia di foglioline ovali) con due grandi stipole membranose poste alla base del lungo picciolo; i fiori sono gialli, solitari il cui ovario, a fecondazione avvenuta, per un meccanismo di geotropismo positivo, si spinge sottoterra ad una profondità di 2-7 cm (interramento del ginoforo). Qui dà luogo ad un legume oblungo, di 2-4 cm, giallastro, con una serie di nervature, alveolato, contenente 2 o più semi ovoidei e biancastri, rivestiti di un tegumento sottile generalmente bruno o rosso-violaceo, che rappresenta l’arachide che tutti conosciamo, nota anche con il nome di spagnolette o noccioline americane. La pianta può produrre oltre 100 fiori e far maturare 20-60 legumi.

Un tempo l’arachide era utilizzata anche come succedaneo del caffè e del cacao, attualmente l’impiego prevalente si riscontra nella produzione industriale di olio alimentare, usato in cucina in alternativa all’olio d’oliva. L’arachide è ricca di sostanze azotate, di olio, di estrattivi inazotati, di cellulosa nonché di vitamina E, di rame, di fosforo, di magnesio, di ferro, di selenio e di zinco. Con l’aumento dell’utilizzo delle arachidi nell’industria alimentare in Europa, sono in aumento anche i casi di allergia o intolleranza a questo seme. È contenuto anche in prodotti per l’infanzia, come componente di latte adattato o come eccipiente polivitaminico. Gli allergeni principali sono rappresentati da tre proteine (Ara h1, Ara h2, Ara h3): questi allergeni restano stabili al calore, per cui rimangono attivi anche dopo la tostatura e la cottura. L’allergia alle arachidi si manifesta precocemente (nel 92% dei casi tra 1 e 7 anni) con un'incidenza dell’11,8%, che la porta al terzo posto come diffusione fra la popolazione dopo l’allergia al latte e alle uova però, a differenza di queste ultime che possono regredire, l’allergia alle arachidi permane per tutta la vita. La reazione può avvenire per contatto, inalazione e, soprattutto per ingestione; i sintomi della reazione allergica sono talvolta molto gravi.

Una dieta a moderato contenuto di grassi che include le arachidi aiuta a perdere peso. Recentemente è stato dimostrato che le nocciole e il burro d’arachidi sono elementi utili per il successo delle diete dimagranti nelle quali i soggetti mantengono la perdita di peso anche dopo due anni e mezzo. Un attento studio è stato svolto da Kathy McManus e colleghi al Brigham and Women’s Hospital della Harvard University. Tale studio ha incluso arachidi e burro d’arachidi tra i cibi a moderato contenuto di grasso (35% d’energia da grassi) nel programma d’alimentazione di stile mediterraneo con un valore massimo di 1200 e 1500 calorie giornaliero per 101 uomini e donne. Nel lungo termine, la perdita di peso come risultato della dieta a moderato contenuto di grasso è stato considerevolmente migliore di quello ottenuto con una dieta a basso contenuto di grassi (20% d’energia da grassi). Le nocciole e il burro d’arachidi aiutano a ridurre il rischio di diabete di tipo 2. Il diabete di tipo 2 è un crescente problema globale con enormi implicazioni mediche ed economiche. Nel Regno Unito 3 persone su 100 hanno il diabete e il 75% di tipo 2. In Olanda più di 440.000 persone hanno il diabete di tipo 2 e il numero è in continua crescita.

In Germania, gli specialisti hanno recentemente messo in guardia sulla possibilità che il numero dei diabetici possa raggiungere i dieci milioni nell’arco di dieci anni. Generalmente in Europa ci sono diversi milioni di diabetici non conclamati, ossia che non sono stati ancora identificati o trattati. Diete semplici, attività giornaliera e calo di peso sono fattori importanti per ridurre il rischio di diabete nella popolazione in genere. Come mostrano recenti ricerche, arachidi e burro d’arachidi come parte di una dieta bilanciata, hanno un ruolo importante. Scienziati della Harvad School of Public Health di Boston, USA, hanno studiato l’associazione tra il consumo di nocciole e burro d’arachidi e il rischio di diabete di tipo 2 in 83818 donne provenienti dalla Nurses’ HealthStudy d’età compresa tra i 34 e i 59 anni, senza precedenti di diabete, malattie cardiache o cancro e con più di 16 anni di controlli. Hanno scoperto che mangiare nocciole e burro d’arachidi era inversamente associato al rischio di diabete di tipo 2 in funzione dell’età, della massa corporea, della storia familiare di diabeti, dell’attività fisica, del fumo, dell’alcool e dell’apporto totale di calorie.

I consigli dispensati NON SONO IN ALCUN MODO DA RITENERSI DI VALORE MEDICO/PRESCRITTIVO. Le informazioni fornite sono a scopo puramente divulgativo e informativo, pertanto non intendono in alcun modo sostituirsi a consigli medici. In presenza di patologie occorre sempre consultare il proprio medico.

Fonti


Nutspaper “Arachidi” 2/2008

Nutspaper “Arachidi” 8/2009

Storia

L’identificazione del luogo d’origine dell’arachide ha storicamente animato una lunga disquisizione, poiché la pianta è diffusa in ben tre continenti: Asia, Africa ed America. Si deve attendere A. De Candolle, nel 1855, per risolvere il quesito, il naturalista infatti constatò l’assenza della pianta nell’antichità classica e nel mondo arabo e la relativa recente introduzione in Senegal, Guinea, Africa Orientale, Cina e Giappone, finendo col concentrare la sua attenzione nell’area peruviano-brasiliana.

Le sue tesi furono supportate dagli antichi reperti trovati nelle tombe peruviane di Ancon, per cui elaborò l’ipotesi secondo la quale la pianta, da una forma spontanea selvatica localizzabile in Brasile, sarebbe arrivata in Guinea ad opera dei primi negrieri; altri trasporti furono operati dal Brasile alle isole dell’Asia meridionale dal navigatore portoghese Magellano (1519-21); successivamente entrò in tutti gli altri paesi dove oggi è coltivata. La coltura si è poi molto sviluppata nel contesto africano (dove peraltro non era conosciuta dagli egizi) tanto che per alcuni secoli le arachidi rappresentarono il cibo più comune somministrato agli schiavi neri nella traversata verso il Nuovo Continente.

L’introduzione dell’arachide in Italia risale al 1772. Oggi i maggiori produttori di arachidi del mondo sono Cina, India, Stati Uniti, Nigeria, Indonesia, Myanmar (altrimenti detto Burma), Chad, Senegal, Argentina, Brasile, Egitto, Israele e Sudan. Fra questi i più grandi esportatori sono Stati Uniti, Senegal, Sudan, Argentina e Brasile, che da soli muovono il 75% delle esportazioni, mentre Cina ed India, pur producendo moltissime arachidi, esportano meno del 4% del totale prodotto. I più grandi importatori di arachidi sono attualmente l’Unione europea, Canada e Giappone: queste tre aree da sole effettuano il 78% delle importazioni mondiale di arachide. L’arachide appartiene alla classe delle Dicotiledoni, all’ordine delle Rosales e alla famiglia delle Leguminose, che comprende 40 specie erbacee cespugliose macroterme a ciclo annuale, originarie dei paesi tropicali.

Fonti

Nutspaper “Arachidi” 2/2008

Proprietà

Secondo le analisi USDA, 100g di arachidi sgusciate al naturale contengono:

  • Vitamina B6 (0,35 mg – 25% VNR)
  • Ferro (4,6 mg – 33% VNR)
  • Zinco (3,3 mg – 33% VNR)
  • Potassio (705 mg – 35% VNR)
  • Magnesio (168 mg – 45% VNR)
  • Fosforo (376 mg – 54% VNR)
  • Tiamina (0,64 mg – 58% VNR)
  • Vitamina E (8,3 mg – 69% VNR)
  • Niacina (12 mg – 75% VNR)
  • Folacina (240 μg – 120% VNR)
  • Proteine (26 g)
  • Fibre (8.5 g)
  • Acidi grassi insaturi (40 g) e monoinsaturi (24 g).

Si ricorda che le arachidi sono contenute nell’elenco degli allergeni (allegato 2 Reg. UE 1169/2011 e s.m.i.)

Dosi consigliate

Ogni confezione da 1kg di le arachidi sgusciate contiene circa 34 porzioni da 30 g che apportano:

  • il 36% del valore nutritivo di riferimento di Folacina;
  • il 23% del valore nutritivo di riferimento di Niacina;
  • il 17% del valore nutritivo di riferimento di Tiamina.

Prezzo conveniente

Per noi prezzo conveniente significa proporre arachidi sgusciate al naturale accessibili a tutti.
Vogliamo, da un lato, dare il giusto valore alle materie prime per ottenere un prodotto di qualità, dall’altro soddisfare le tue esigenze di prezzo.

Stabiliamo infatti relazioni eque e di lungo termine con i nostri produttori, lontani dalla logica del prezzo più basso e basate sulla fiducia, cercando di offrirti il prodotto migliore e più naturale possibile.

Non solo, scegliendo grammature superiori delle arachidi sgusciate al naturale contribuisci anche tu alla riduzione dell’uso di plastica.

Conservazione

Puoi conservare le arachidi sgusciate al naturale in luoghi freschi e asciutti, lontani da fonti di calore e umidità. Ecco 4 consigli utili:

  • La condizione ideale di mantenimento delle arachidi sgusciate al naturale è in ambiente refrigerato. Le arachidi sgusciate al naturale Frutta e Bacche possono anche essere conservate senza problemi a temperatura ambiente durante la stagione invernale date le basse temperature. Durante l’estate invece è consigliabile conservare in frigorifero o in ambienti il più freschi possibile, in quanto l’aumentare delle temperature potrebbe favorire il deperimento dei prodotti.
  • Il contenitore ideale in cui conservare le arachidi sgusciate al naturale è il vetro. Grazie alla sua costituzione infatti è impenetrabile ad agenti chimici e gassosi, e avendo ottime capacità isolanti termiche mantiene per un tempo più lungo la temperatura iniziale rispetto agli altri materiali. Se il vetro è colorato tanto meglio: utilizzando vetri colorati si impedisce l’ingresso di alcune lunghezze d’onda di luce (inclusa quella ultravioletta) e quindi alcune caratteristiche nutrizionali ed organolettiche rimangono inalterate.
  • È importante anche il tipo di chiusura del contenitore: un tappo ermetico fa sì che l’alimento sia protetto da un eccessivo contatto con l’ossigeno che può condurre a ossidazione lipidica e che può essere essenziale per i batteri aerobi.
  • L’ambiente è sempre bene che sia ben areato: ventilando i locali si mantiene sotto controllo l’umidità interna che fuoriesce dalla finestra, garantendo il giusto equilibrio, il che aiuta a sfavorire l’insorgere di muffe.

Opinioni



Clicca qui per lasciare una recensione


Arachidi Vittorio V. il giorno 28/06/2019

Essendo crude non si possono paragonare a quelle tostate, cmq buone, magari ci vorrebbe una ricetta x cucinarle.....

rating
Risposta:

La ringraziamo per il suo prezioso commento. Sul nostro blog (https://www.fruttaebacche.it/blog/) può trovare tante ricette semplici e veloci: https://www.fruttaebacche.it/blog/arachidi-tre-ricette-dolci-salate-cucina-croccante/.



Staff Frutta e Bacche

a carlo a. il giorno 05/06/2019 ottime rating
Buone come sempre Gianni S. il giorno 11/02/2019 Acquisto ormai da tempo questo prodotto e lo ritengo di ottima qualità rating
Arachidi crude carlo a. il giorno 06/06/2018 è dall'età dell'infanzia che non assaggiavo le arachidi crude, così mi era venuta la voglia di mangiarle. Navigando in internet mi sono imbattuto nei vostri prodotti, quindi ho deciso di fare il passo. Non sono per niente pentito: sono buonissime. Complimenti per il prodotto, appena terminate penso che mi irfarò rating
Arachidi Marco C. il giorno 21/05/2018 Li ho leggermente testati l forno, che prelibatezza rating
ottimo Fabrizio P. il giorno 14/05/2018 ottimo rating
Ottimo spuntino Gianni S. il giorno 04/05/2018 Per cambiare vanno benissimo rating
Fonte di energia Danilo A. il giorno 14/04/2018 Ottime senza il sale aggiunto dei soliti snack con arachidi. rating
Arachidi Antonio P. il giorno 16/03/2018 Ottime arachidi di prima scelta da usare anche al posto dei legumi. rating
Buone Paolo V. il giorno 01/03/2018 Le tosto per mangiarle perchè crude sanno un po di verde. Il risultato è molto buono. rating
Arachidi Fabrizio D. il giorno 11/11/2017 Ci farò il burro di arachidi per nn rischiare e rimanere deluso ulteriormente rating
Ottime Gianni S. il giorno 08/11/2017 Li compro da un anno e suono buonissimi rating
Ottimi! Gianni S. il giorno 21/10/2017 dal sapore minerale, ottima fonte proteica rating
colesterolo Angela F. il giorno 17/10/2017 un paio di cucchiai al giorni mi hanno aiutato ad abbassarlo rating
Ottimi Gianni S. il giorno 19/09/2017 piacevoli al gusto lievemente minerale rating
  


Prodotti consigliati

Frutta e Bacche | Frutta Secca, Disidratata, Essiccata e Bacche https://www.fruttaebacche.it/img/frutta-e-bacche-logo-14894184731.jpg Frutta e Bacche
Euro Company Srl Società Benefit - Via Faentina 280/286, Godo, 48026 - Russi (RA) - Italia
Telefono: (0039) 0544 - 416711
Email: info (at) fruttaebacche.it
Serve aiuto?
Chiama
Live chat